bilancio-sociale

BILANCIO SOCIALE: INTERVISTA A FILIPPO BETTINI.

Cascina Verde ha da poco pubblicato il suo Bilancio Sociale: abbiamo chiesto di presentarcelo a Filippo Bettini, presidente della nostra onlus che dal 1974 si occupa del recupero dalle dipendenze.

Quale percorso ti ha portato a conoscere Cascina Verde?
Sono entrato in contatto con Cascina Verde 3 anni fa, grazie alla conoscenza di Franco Strada, allora Presidente della nostra onlus, cui mi accomuna un lungo percorso professionale in Pirelli.
Di Cascina Verde mi ha colpito fin da subito l’impostazione scientifica dei programmi riabilitativi che vengono attuati attraverso percorsi personalizzati con il costante supporto di psicologi e psichiatri; in aggiunta, il clima familiare e costruttivo che anima le giornate all’interno della nostra comunità. Così, quando un anno fa Franco Strada ed il Consiglio Direttivo hanno proposto la mia candidatura a Presidente per proseguire il percorso degli ultimi anni, non ho potuto che accettare…

Che ruolo ha il Presidente di una onlus come Cascina Verde?
Al Presidente spetta soprattutto il compito di interloquire con le categorie di portatori di interessi che ruotano attorno alla nostra comunità – i cosidetti “stakeholders” – a cominciare dai referenti del Sistema Sanitario Regionale Lombardo, le Agenzie di Tutela della Salute di Milano e Varese, i nostri Donatori, la rete dei Collaboratori che operano presso le nostre strutture, i nostri Fornitori e soprattutto i Ragazzi che ospitiamo e che accompagniamo nel loro percorso riabilitativo e le loro famiglie.
Per fare tutto questo ho la fortuna ed il privilegio di poter contare su un Consiglio Direttivo composto da persone che come me condividono la passione per Cascina Verde e su uno staff altamente qualificato che ogni giorno si occupa della conduzione delle nostre strutture .

Che cos’è il BIlancio Sociale e perché è importante?
Il Bilancio Sociale è lo strumento di informazione e trasparenza che annualmente offre un resoconto economico e delle attività svolte da ogni onlus; è un documento prezioso, pubblico, e offre l’opportunità a tutti di toccare con mano la vita della nostra organizzazione. Personalmente sono molto orgoglioso dell’edizione 2020 del Bilancio Sociale di Cascina Verde, andate sul sito e consultatelo, troverete la storia della nostra organizzazione, i progammi scientifici e assistenziali che abbiamo condotto e che stiamo portando avanti,le attività proposta presso le comunità di Azzate e di Milano e presso i nostri appartamenti, i nuovi progetti. Tutto raccontato in modo semplice, chiaro e rigoroso. Per avvicinare Tutti alla vita della nostra comunità.

Gli ultimi due anni sono stati difficili per tutti a causa della pandemia: che cosa hanno comportato per Cascina Verde, e come
ci si prepara a tornare alla normalità come tutti auspichiamo?
L’anno appena concluso è stato segnato da un evento epocale, la pandemia da Covid-19. Fin dall’inizio del diffondersi del virus, la nostra priorità è stata la tutela della salute e della sicurezza dei nostri pazienti, dei nostri collaboratori e delle loro famiglie. Cascina Verde ha adottato con la massima rapidità e rigore protocolli e dispositivi di prevenzione e protezione, dedicando spazi riservati alla gestione delle quarantene e facendosi altresì carico dei maggiori oneri derivanti dalla gestione dell’emergenza; la professionalità e l’impegno dei nostri collaboratori ci ha consentito di tenere in controllo l’emergenza pandemica e tutte le nostre sedi sono state in grado di erogare con continuità il servizio ai nostri pazienti, in alcuni casi addirittura con un incremento delle presenze medie rispetto all’anno precedente. Il 2020 ha visto inoltre l’aumento delle prestazioni in doppia diagnosi, a testimonianza di una richiesta crescente di prestazioni specialistiche dedicate a questo tipo di utenza.
Nonostante l’emergenza, Cascina Verde ha approntato in corso d’anno significativi interventi di manutenzione e miglioramento delle strutture, con un‘attenzione particolare al recupero delle aree tecniche e di servizio di Via Olgettina per prepararci al ritorno alla normalità post pandemica cui tutti aspiriamo.

Menu