Giardino a maggio: i lavori da fare

ORTO E GIARDINO A MAGGIO

Dice un antico motto popolare che il giardino a maggio è sempre facile che sia bello. E infatti, questo è il mese migliore per chi vuole godersi il lavoro
fatto nei mesi scorsi: con tutte le principali fioriture in corso, a partire dalle rose, dedicarsi alla manutenzione è davvero gratificante.
Resta da mettere a dimora le piantine cresciute nel semenzaio, contando che ormai le gelate notturne siano soltanto un ricordo, ed
è anche possibile seminare in piena terra Agerati, Lupini, Portulache e numerosi altri fiori.
Quelle di maggio sono buone settimane anche per ammendare i prati rovinati: basta prendere del terriccio specifico, alleggerito con la sabbia, e seminare facendo attenzione a non raggruppare le sementi in mucchietti, poi bagnare ogni due o tre giorni.
I prati già a regime, invece, iniziano a chiedere di essere tagliati: assicuratevi di farlo ogni dieci giorni circa, avendo estirpato prima le erbacce, in modo che i loro semi non cadano nel prato rovinandolo, e annaffiate l’erba solo nelle ore meno calde della giornata.
Questa è anche la stagione per mettere a dimora le piante aromatiche e i fiori sul balcone o sul terrazzo, ma i lavori più impegnativi del giardino a maggio sono sicuramente quelli relativi all’orto: è infatti giunto il momento di mettere a dimora le piantine di zucchine, peperoncini, pomodori, cetrioli e basilico.
Ricordatevi, se già non l’avete fatto a marzo e aprile, di preparare bene il terreno dissodandolo da radici e pietre, preparate una piccola buca dove metterete le piantine ancora con il loro originario panetto di terra e rispettando le giuste distanze. Soprattutto visto che il caldo inizia a farsi sentire, ricordatevi di non lasciare mai che il terreno si asciughi.

Sostenete i progetti di Cascina Verde destinando il tuo 5X1000 a Cascina verde Spes Onlus, indicandone il codice fiscale 97082990157

Menu